pubblicato martedý 15 ottobre 2013


Con delle coppie di conviventi,
parrocchia di Porto San Pancrazio, Verona


L’esperienza nasce tra le mura parrocchiali in occasione della festa per la Vita. Il parroco invita gli sposi a riscoprire il valore del proprio matrimonio attraverso un piccolo percorso. Ne fanno richiesta otto coppie tutte di conviventi da più anni e alcuni già con figli: è una sorpresa. Dato questo tipo d’iscrizioni il parroco ritiene di cambiare la proposta, non più una semplice catechesi sul matrimonio, ma un percorso che permetta a queste giovani coppie di dare senso alla loro scelta. Il parroco chiede la collaborazione di due coppie di sposi e insieme decidono di utilizzare il primo incontro per ascoltare le esigenze dei partecipanti e poter, così, preparare una proposta concreta. Nel primo incontro, accolti con the caldo, pasticcini e con un piccolo regalo di un cd con musiche scelte ad hoc, dopo una presentazione reciproca, con una tecnica adeguata, si chiede loro di comunicare cosa si aspettano da questo percorso.

Emerge una situazione

  • di forte giudizio recepito come una specie di condanna da parte dei “regolari” della parrocchia
  • di fatica soprattutto con l’arrivo dei figli per quanto riguarda l’educazione, il sostegno
  • il bisogno di capire il motivo per cui ci si debba sposare e soprattutto perché in chiesa; cosa può mai avere il matrimonio di diverso dalla convivenza?

Ci si ritrova come animatori e si tenta una specie di percorso chiarendoci da subito che non saranno esaustive le proposte che faremo, togliendoci dalla testa di convertire qualche copia a sposarsi in chiesa, e limitandoci semplicemente a far comprendere il valore della loro unione. Così si decide di impostare cinque incontri con queste tematiche:

  1. Primo incontro
    Le tappe della vita: le sfide e le potenzialità delle varie età della vita, il senso dei sacramenti presenti in tali età.Testo biblico di riferimento “La tempesta sedata” di Marco.
  2. Secondo incontro
    L’amore vissuto: che cosa vuol dire amare nella quotidianità della vita di coppia. Testo biblico: alcuni passi del Cantico dei Cantici.
  3. Terzo incontro
    Il dialogo di coppia: Le carezze. Cosa vuol dire comunicare in una relazione d’amore ed educativa. Testo di riferimento “L’unzione di Betania” Gv 12
  4. Quarto incontro
    La ri-scoperta del valore del matrimonio cristiano: cos’è un sacramento e lo specifico del matrimonio. Testo di riferimento Gen 2.
  5. Quinto incontro
    La responsabilità dei genitori alla vita buona (domenica mattina e pomeriggio). Dieci parole o dieci comandi? Per educarci ed educare alla libertà. Testo di riferimento Dt 5

Gli ingredienti di ogni incontro erano:

  • un’accoglienza molto curata, l’obiettivo era quello di farli sentire accolti, ascoltati e non giudicati
  • la lettura del testo biblico che veniva ripreso durante l’approfondimento del tema
  • una modalità creativa per entrare nel contenuto della serata, usando tecniche, immagini o lavori a coppie
  • un momento di approfondimento, massimo 30 minuti
  • un momento particolare: “I vecchi parlano ai giovani”, un breve racconto (massimo dieci minuti) attraverso il quale le coppie conduttrici cercavano di comunicare alcuni passaggi della vita matrimoniale da loro vissuta.
  • un’eco finale.

La verifica fatta con loro nell’ultimo incontro ha dato esiti molto buoni, soprattutto si sono riallacciati i legami con il contesto parrocchiale che il parroco ha saputo intelligentemente tenere con loro e con la comunità. Sappiamo di due coppie che hanno deciso di sposarsi, ma ciò che conta è che si sono sentiti accolti in quanto persone e che “hanno finalmente sentito una Parola non giudicante”.

Abbiamo pensato di regalare, nell’ultimo incontro, una Bibbia a ciascuna coppia, con dei segnalibri posizionati sui testi che avevamo affrontato insieme, anche questo gesto è stato molto apprezzato.

resoconto di Pietro Ganzarolli (@)



I commenti espressi su questo racconto:

(16 ott '13) don Peppino: ho letto con interesse il racconto. quante sorprese ci riserva la vita, se sappiamo ascoltarla prima ancora di impacchettarla! grazie mille. aspetto gli altri.

Occorre essersi accreditati per inserire dei commenti. Puoi registrarti come nuovo utente o effettuare il login.



Torna all'inizio del racconto

Mostra tutti i racconti di esperienze pastorali o le testimonianze





Progetto Secondo Annuncio © 2013-2019 - Ultima modifica alla pagina: 30/4/2015info sui cookie  -  contattaci